Vai al contenuto Vai al menu di navigazione

Uninail

Area riservata

Login

Immetti

Uninail :::

Ti trovi in: Home page > News

Cosmofarma intervista il nostro Presidente

 

15.04.2013


In Italia, il nailworld sta spopolando. Aumentano le donne che richiedono trattamenti di cura e decorazione delle unghie, così come aumentano gli addetti ai lavori e i nail center. Uninail, l’Associazione da Lei presieduta, vuole tutelare e promuovere le attività, gli interessi, le regole e i principi del settore della ricostruzione unghie. Che obiettivi avete per il 2013?

L’obiettivo principale che l’Associazione persegue da anni e continuerà a perseguire anche nel 2013 – non essendo purtroppo ancora stato raggiunto – è il riconoscimento ufficiale della professione di Onicotecnico.
Il forte aumento della richiesta di trattamenti di cura e decorazione delle unghie non può che farci piacere, tuttavia, più aumenta questa richiesta più diventa sentito e prioritario il problema della mancanza di una figura ufficiale e riconosciuta di Onicotecnico. In Italia, di fatto, non esiste una legge a livello nazionale che sancisca in maniera univoca le modalità necessarie per ottenere questa qualifica, a differenza di quanto avviene per la figura dell’ Estetista o del Parrucchiere; tuttavia aumentano ogni giorno di più le persone che desiderano svolgere questa attività in maniera autonoma e legale senza dovere necessariamente frequentare una Scuola di Estetica della durata di tre anni. Noi abbiamo avuto l’opportunità di parlare direttamente con tantissime “onicotecniche fantasma” e tutte hanno manifestato la stessa necessità: la libertà di poter avviare un’ attività legale ed ufficialmente riconosciuta, dedicata esclusivamente al Trattamento e Decorazione delle Unghie, senza dover intraprendere un percorso formativo di anni nel settore dell’estetica, che di fatto ha poco a che vedere con quello delle unghie.
Un altro obiettivo per noi molto importante riguarda la crescita dell’ Associazione e la sensibilizzazione sull’importanza del marchio di qualità. Come spiegherò anche nel corso del mio intervento al Convegno, l’Italia è il Paese Europeo che si avvale della legge sul controllo dei prodotti estetici più seria e completa e si sta evolvendo ulteriormente su questo fronte introducendo sempre maggiori controlli e richieste nei confronti sia dei Produttori che degli Importatori. Naturalmente solo le aziende che operano seguendo scrupolosamente le regole previste dalla legislazione italiana possono entrare a far parte dell’Associazione Uninail. Purtroppo il numero di queste aziende è ancora molto basso, quindi l’Associazione fatica a crescere come vorrebbe; tuttavia preferiamo continuare ad essere una garanzia di sicurezza e qualità piuttosto che allargarci per includere aziende che non sono in linea con la nostra etica.

 

A quali progetti state lavorando per portare avanti questi obiettivi?
Per quanto riguarda l’impegno per il riconoscimento della professione di Onicotecnico, stiamo lavorando insieme al CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) per studiare un programma formativo a livello regionale dedicato alle persone che desiderano avvicinarsi a questa professione senza dover effettuare il percorso di studi triennale della Scuola di Estetica. Allo stesso tempo occorre comunque creare un programma ad hoc per le tantissime persone che esercitano già questa attività da anni ed hanno quindi alle spalle una profonda esperienza ed una solida preparazione: anche loro devono avere modo di ottenere il riconoscimento della loro professionalità senza dover intraprendere un lungo percorso formativo.
Sul fronte dell’importanza del marchio di qualità, ci impegniamo ogni giorno per sensibilizzare sia i professionisti che i consumatori finali affinchè possano riconoscere e scelgano solo i prodotti “sicuri”, cioè introdotti nel Paese in modo legale, sottoposti a tutti i controlli Sanitari previsti e regolarmente etichettati in italiano.

Le aree di intervento nel settore dell’estetica e unghie in farmacia sono molte e non mancano le aziende pronte a supportare il farmacista. Lei ritiene sia una buona opportunità anche per le onicotecniche?
Sicuramente la collaborazione tra Farmacie e Onicotecnico è un opportunità molto importante sia per l’onicotecnico che per il farmacista: si tratta di due figure professionali altamente specializzate e, così come il farmacista è sempre più a contatto con la sfera estetica, anche l’onicotecnico ha spesso a che fare con richieste che riguardano la salute e il benessere delle unghie. Tuttavia, affinché possa crearsi una collaborazione fruttuosa, è prima necessario che nasca una figura qualificata e riconosciuta di Onicotecnico: solo in questo modo si potrà avere una reale sinergia tra due professionisti e solo in questo modo il farmacista potrà avvalersi del contributo di un vero e proprio Specialista delle unghie.

fonte: www.cosmofarma.com

press

Press

Comunicato stampa - Nasce la UNINAILCARD

24.09.2011

Comunicato stampa - Nasce la UNINAILCARD

06.04.2013

HAIR BRASIL

Vai al dettaglio

02.12.2012

HAIR & STYLE MANAGEMENT

Vai al dettaglio

27.10.2012

ESTHETIWORLD

Vai al dettaglio

© Ogni riproduzione, pubblicazione, distribuzione, utilizzo totale o parziale di testi, delle foto e dei video contenuti nel sito uninail.it sono vietate senza autorizzazione scritta. Ogni abuso o trasgressione sarĂ  punita a norma di legge.